Borsa, Europa vista poco mossa in attesa della riunione straordinaria sull’energia

Euro in recupero sul dollaro post Bce. Il rendimento del Btp sale sopra il 4% in attesa dell’asta Bot. Bene petrolio e oro. A Milano da monitorare le banche e Tim

Borse europee attese poco mosse in apertura (+0,01% il future sull’Eurostoxx50) dopo il recupero al fotofinish della vigilia quando la Bce ha alzato i tassi di 75 punti base, portando il tasso di riferimento all’1,25% e lasciando intendere che ci potrebbero essere ulteriori aumenti (più di uno e meno di cinque) fintanto che l’inflazione non sarà intorno all’obiettivo. Inflazione che nelle stime della Bce è stata alzata all’8,1% per il 2022 e al 5,5% per il 2023 e al 2,3% per il 2024 (dal 6,8%, 3,6% e 2,1% rispettivamente).

Stagnazione della crescita prevista per il quarto trimestre 2022 e primo trimestre 2023 che portano le nuove stime del Pil al 3,1% nel 2022, allo 0,9% nel 2023 e all’1,9% nel 2024. Il Consiglio direttivo è ovviamente pronto ad adeguare tutti gli strumenti a sua disposizione per garantire che l’inflazione si stabilizzi al suo obiettivo del 2% nel medio termine. Per quanto riguarda il TPI, il cosiddetto scudo anti-spread, “questo è operativo e disponibile per contrastare dinamiche di mercato ingiustificate e disordinate che possano rappresentare una seria minaccia per la trasmissione della politica monetaria in tutti i Paesi dell’area dell’euro, consentendo così al Consiglio di adempiere più efficacemente al proprio mandato di preservare la stabilità dei prezzi”, ha sottolineato Antonio Tognoli, responsabile macro analisi di Corporate Family Office Sim.

Euro in recupero: il tasso di cambio non è un obiettivo della politica monetaria della Bce, ma in pratica lo è

Nella consapevolezza che la flessione dell’euro (-4% in termini effettivi, 12% verso il dollaro), in recupero (1,00627, +0,74%), avrà effetti a medio termine sull’inflazione, la Bce ha chiarito che il tasso di cambio non è un obiettivo della politica monetaria. Ma per Tognoli in pratica lo è, dal momento che questo è in grado di muovere l’inflazione, minando la stabilità dei prezzi. “Non è mai un buon segnale per i mercati continuare a diminuire le stime di crescita economica e continuare ad alzare quelle dell’inflazione. Nonostante la Lagarde abbia rassicurato i mercati sostenendo che una recessione è prevedibile nel 2023 solo con il completo stop alla fornitura di gas russo, in realtà ha dovuto ammettere anche i macroscopici errori di previsione da parte della Bce, che per lungo tempo non si è accorta che l’inflazione non sarebbe stata un fenomeno temporaneo, nonostante i mercati lo segnalassero chiaramente”, ha osservato Tognoli, non del tutto convinto che nell’ipotesi peggiore di chiusura totale del gas russo, la recessione non possa continuare anche nel 2024.

Focus sulla riunione straordinaria del Consiglio dei Ministri dell’energia

Molto dipenderà, ha spiegato Tognoli, da due fattori, di cui il principale non controllabile: la guerra in corso. Il secondo fattore dipende dalla coesione politica che guiderà gli investimenti che saranno messi in campo per contrastare la crescita del prezzo dell’energia. “Da questo punto di vista mi sembra che le divisioni all’interno dell’unione siano ancora piuttosto significative. Vediamo quali saranno le decisioni di investimento che arriveranno dalla conferenza straordinaria del Consiglio dei Ministri dell’energia fissata per oggi, 9 settembre, a Bruxelles, al di là di chiedere agli Stati membri di ridurre del 15% il consumo di gas, che però non è un intervento configurabile come investimento. Chiaro che quella che è mancata, ma qui la Bce non ha colpe) è una politica energetica comune. Basterà ora metterci delle pezze? Quella è la speranza”, ha concluso Tognoli. Nel frattempo, il prezzo del petrolio si apprezza dello 0,12% a 83,64 dollari il Wti (+0,31% a 89,43 dollari al barile il Brent) e dell’oro a 1.730 dollari l’oncia (+0,58%).

Nessun dato macro rilevante in uscita

Nessun dato macro rilevante per i mercati in uscita oggi, solo la produzione industriale a luglio in Francia (precedente: +1,4% mese su mese; consenso: -0,5% mese su mese) e in Spagna (precedente: +7% anno su anno). Già pubblicati i prezzi al consumo ad agosto in Cina hanno mostrato una dinamica tendenziale di 2,5%, a fronte del consensus di 2,8% dopo il rialzo di 2,7% del mese precedente. Quanti ai prezzi a monte della filiera produttiva, sempre in agosto, la crescita annua è stata del 2,3% – minimo da febbraio 2021 – rispetto al 3,1% delle attese e al 4,2% di luglio. Mentre i sussidi alla disoccupazione negli Stati Uniti dell’8 settembre sono stati più bassi delle aspettative (222mila contro 240 stimati). Sembra, quindi, che nonostante l’aumento dei tassi e il Pil negativo degli ultimi due trimestri, gli Usa continuino a creare posti di lavoro.

Il rendimento del Btp sale sopra il 4% in attesa dell’asta Bot

In campo obbligazionario, post Bce, il rendimento del Btp decennale sale al 4,077%. Il Tesoro italiano colloca 7 miliardi di euro del Bot annuale 14 settembre 2023, il cui rendimento in asta andrà paragonato allo 0,994% – massimo da ottobre 2013 – del collocamento di metà agosto. Via XX Settembre ha comunicato che nell’asta di martedì 13 settembre verranno proposti fino a 7,5 miliardi di euro nelle riaperture dei Btp a tre, 7 e 30 anni.

A Milano da monitorare le banche e Tim

Sul listino milanese attenzione alle banche come Unicredit, Intesa Sanpaolo, Bper e Banco Bpm visto che l’Italia ha avviato i colloqui con la Commissione europea per il rinnovo dello schema Gacs, che consente allo Stato di fornire garanzie sulle cartolarizzazioni di sofferenze bancarie, secondo fonti vicine al dossier. Da monitorare anche Tim che avvierà a breve un processo formale per selezionare un partner di minoranza per Tim Enterprise, la società che raggrupperà i servizi di connettività per i grandi clienti e le attività cloud, cybersecurity e Internet of Things, secondo fonti citate da Reuters. Nel settore del lusso, invece, occhio a Moncler di cui Barclays ha alzato il target price a 62 euro. (riproduzione riservata)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

germany flag in front of building Previous post Germania, IfW prevede recessione, inflazione record per 2023
Next post Piazza Affari trainata ancora dalle banche all’indomani della Bce, risale TIM