Le fabbriche cinesi chiudono di nuovo, ma non a causa del Covid

Secondo il sito americano Quartz, il colpevole è un’intensa ondata di calore e siccità nel sud della Cina, intorno al bacino del fiume Yangtze. Il livello dell’acqua nelle dighe si sta esaurendo, limitando la produzione nelle centrali idroelettriche

Pochi mesi dopo che i lunghi lockdown di Shanghai avevano interrotto le catene di approvvigionamento e costretto i produttori a sospendere le attività, la Cina sta nuovamente assistendo a un’impennata di chiusure di fabbriche.

Questa volta, secondo quanto riporta il sito americano Quartz, il colpevole non è il coronavirus, ma un’intensa ondata di calore e siccità nel sud della Cina, intorno al bacino del fiume Yangtze. Il livello dell’acqua nelle dighe si sta esaurendo, limitando la produzione di elettricità nelle centrali idroelettriche, proprio mentre la domanda di aria condizionata è in aumento.

Per evitare blackout, le autorità della provincia di Sichuan, alimentata con l’energia idroelettrica per circa l’80% del suo fabbisogno energetico (link in cinese), hanno ordinato alle fabbriche di interrompere le attività. I dati di Everstream Analytics, fornitore di dati sulla supply chain e di analisi dei rischi, mostrano un forte aumento delle chiusure di fabbriche in Cina intorno a Ferragosto. Al 17 agosto, Everstream aveva registrato 39 chiusure – più del doppio del totale della settimana precedente.

“È probabile che l’impatto sia pari, se non superiore, a quello dei lockdown all’inizio dell’anno a Shanghai e nella vicina Kunshan”, ha dichiarato a Quartz  Mirko Woitzik, direttore globale delle soluzioni di intelligence di Everstream Analytics. In parte, secondo Woitzik, ciò è dovuto al fatto che mentre le chiusure di fabbriche legate al Covid possono teoricamente essere mirate alle aree in cui le infezioni sono elevate e le operazioni possono riprendere gradualmente, gli effetti della mancanza di energia sono più estesi e indiscriminati.

Stop per la produzione di Toyota e Catl

Tra i principali produttori che hanno dovuto interrompere le attività nel Sichuan ci sono la casa automobilistica giapponese Toyota e Catl, il gigante cinese delle batterie al litio. Ma anche le aziende produttrici di materie prime critiche sono state colpite e gli effetti si ripercuoteranno sulle catene di approvvigionamento. Per esempio, Tongwei, il più grande fornitore al mondo di polisilicio, una materia prima fondamentale per i pannelli solari, ha sospeso la produzione, così come il produttore di litio Yahua Industrial (link in cinese).

Ma non è solo la Cina ad essere alle prese con le ripercussioni economiche delle alte temperature e dei periodi di siccità. In Germania, l’estate calda e secca ha portato a livelli critici l’acqua del Reno, una rotta di navigazione fondamentale per l’Europa, interrompendo il flusso del traffico poiché il fiume diventa troppo basso per il passaggio di molte navi che trasportano merci e combustibili. (riproduzione riservata)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous post Campari compra per 15 milioni il 15% del whiskey Howler Head
Next post In rosso Hong Kong e Shanghai, l’incertezza sull’economia mondiale spinge giù l’Asia