Greggio in calo su apprezzamento dollaro, ma colloqui Opec+ offrono sostegno

LONDRA (Reuters) – I prezzi del petrolio sono in ribasso, dopo che un dollaro più forte ha ridotto i guadagni di ieri di oltre 3 dollari; tuttavia, le perdite sono state limitate da possibili segnali che il gruppo di produttori Opec+ potrebbe tagliare la produzione.

Intorno alle 11,00 i futures sul Brent sono in calo di 1,42 dollari, o dell’1,59%, a 87,90 dollari al barile e i futures sul greggio statunitense perdono 1,34 dollari, o l’1,63%, a 80,80 dollari al barile.

Entrambi i benchmark sono rimbalzati nelle due sessioni precedenti dai minimi di nove mesi toccati all’inizio della settimana, sostenuti da un calo temporaneo dell’indice del dollaro e da una riduzione superiore alle attese delle scorte di carburante statunitensi.

Tuttavia, oggi l’indice del dollaro è tornato a salire, smorzando la propensione al rischio degli investitori e alimentando i timori di recessione.

Nel frattempo, i principali membri dell’Opec+ hanno iniziato a discutere di un taglio della produzione di petrolio in occasione della riunione del 5 ottobre, secondo quanto detto a Reuters da due fonti del gruppo.

Una fonte dell’Opec ha riferito che un taglio è probabile, ma non ha fornito indicazioni sui volumi della riduzione.

Reuters ha riportato questa settimana che la Russia probabilmente proporrà all’Opec+ di ridurre la produzione di petrolio di circa 1 milione di barili al giorno. 

Anche l’uragano Ian ha fornito sostegno ai prezzi. Circa 157.706 barili al giorno di produzione petrolifera sono stati interrotti nel Golfo del Messico a partire da ieri, secondo il Bureau of Safety and Environmental Enforcement.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Stefano Bernabei)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous post L’altalena del petrolio: in calo dopo il rally, i motivi
Oro gold Next post I futures dell’Oro in rialzo durante la sessione Asiatica