USA studiano ulteriori misure per limitare export verso Cina di chip

(Teleborsa) – L’amministrazione Biden sarebbe al lavoro per ampliare i limiti alle spedizioni statunitensi in Cina di semiconduttori utilizzati per l’intelligenza artificiale e gli strumenti per la produzione di chip. Lo riporta Reuters, citando persone che hanno familiarità con la questione e sottolineando che le nuove misure potrebbero essere annunciate il mese prossimo.

Secondo le indiscrezioni, il Dipartimento del Commercio intende pubblicare nuovi regolamenti basati sulle restrizioni comunicate all’inizio di quest’anno a tre società statunitensi (KLA Corp, Lam Research Corp e Applied Materials Inc). In questi casi, è stato vietato di esportare apparecchiature per la produzione di chip verso fabbriche cinesi che producono semiconduttori avanzati con processi inferiori a 14 nanometri, a meno che i venditori non ottengano le licenze del Dipartimento del Commercio.

Un portavoce del Dipartimento del Commercio, sollecitato dall’agenzia, ha rifiutato di commentare regolamenti specifici, ma ha ribadito che sta “adottando un approccio globale per implementare azioni aggiuntive per proteggere la sicurezza nazionale degli Stati Uniti e gli interessi di politica estera”. Ciò include misure per impedire alla Cina di acquisire tecnologia statunitense applicabile alla modernizzazione militare.

Una fonte sentita da Reuters ha affermato che le regole potrebbero anche imporre requisiti di licenza alle spedizioni in Cina di prodotti che contengono i chip presi di mira.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Previous post Euro-dollaro: supporto grafico a ridosso di 0,9870
Next post Regno Unito: crescita economica trimestrale piatta a luglio