Giappone: PIL Q2 rivisto al rialzo grazie ad aumento investimenti

Di Ambar Warrick 

Investing.com – L’economia nipponica è cresciuta più del previsto nel secondo trimestre, è quanto mostrano i dati di questo giovedì, in quanto l’aumento delle spese capitali delle imprese ha contribuito a superare gli effetti della pandemia di COVID-19 e del deprezzamento dello yen.

L’ economia giapponese è cresciuta dello 0,9% nel periodo aprile-giugno, contro il trimestre precedente, di più rispetto alla lettura del preliminare dello 0,5%. Su base annua, l’economia è cresciuta del 3,5%, dalla lettura iniziale del 2,2%, superando di gran lunga la lettura del trimestre precedente di una crescita dello 0,1%.

Il dato mostra che la terza economia mondiale è tornata ai livelli pre-COVID, grazie alla spesa dei consumatori e delle imprese. La scorsa settimana i dati hanno mostrato un aumento delle spese capitali delle imprese giapponesi del 4,6% nel secondo trimestre, in quanto sempre più aziende hanno scommesso sulla crescita dopo la fine delle restrizioni dovute al COVID-19.

Ma questo trend potrebbe invertirsi nei prossimi mesi, mettendo a rischio la crescita economica giapponese dopo l’aumento dei casi di COVID a luglio che ha portato l’introduzione di nuove restrizioni.

L’economia giapponese è inoltre sottoposta a forti pressioni a causa dell’aumento dell’inflazione e dei prezzi delle materie prime, che hanno entrambi colpito lo yen. Questa settimana, la forza relativa del dollaro statunitense ha fatto crollare la valuta giapponese ai minimi di 24 anni, a 144 contro il dollaro.

L’aumento dei costi dei carburanti e dei generi alimentari ha fatto sì che l’inflazione giapponese raggiungesse a luglio un massimo di oltre sette anni.

La Banca del Giappone finora è stata riluttante verso l’aumento dei tassi di interesse e questo la rende un’eccezione tra i suoi principali partner globali. Questo ha pesato sullo yen e ha messo sotto pressione l’economia giapponese.

Dati recenti hanno anche mostrato che la spesa delle famiglie giapponesi è cresciuta a un ritmo più lento del previsto nel mese precedente, indicando che l’indebolimento dello yen e l’aumento dell’inflazione potrebbero pesare sui consumatori, uno dei principali motori dell’economia giapponese.

Il governo giapponese ha recentemente espresso preoccupazione per il drastico calo dello yen di quest’anno. Ma finora non ha fornito dettagli su eventuali interventi sui mercati valutari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous post Wall Street aiuta il sentiment, Future Ue positivi prima della BCE
Next post Cina al palo, Nikkei brillante. Xi prepara il vertice con Putin mentre chiude una megalopoli