Vaccini Covid, Moderna porta in tribunale Pfizer e BioNTech: maxi-causa per violazione dei brevetti sullo mRna

La biotech americana contro le due società rivali sulla tecnologia innovativa che potrà essere applicata anche ad altri farmaci. La battaglia legale in Usa e in Germania sui brevetti relativi allo Rna messaggero potrebbe portare a risarcimenti miliardari

Le tre big del vaccino anti-Covid rischiano un enorme scontro legale in tribunale. Moderna ha lanciato una battaglia per il controllo del futuro della tecnologia dell’mRna, annunciando che farà causa a Pfizer e al suo partner tedesco BioNTech per aver violato suoi brevetti relativi al vaccino Covid-19. In borsa i titoli delle tre società hanno reagito aprendo la seduta a Wall Street con perdite tra il mezzo punto percentuale e l’1%.

I brevetti sul vaccino anti-Covid

La causa è stata depositata presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto del Massachusetts e il tribunale regionale di Düsseldorf in Germania. I brevetti riguardano due aspetti dell’approccio di Moderna ai farmaci basati sulla tecnologia innovativa dell’Rna messaggero, uno relativo a una modifica chimica apportata allo mRna stesso e un altro al concetto alla base del vaccino.

Scontro sul futuro dell’mRna

Le rivendicazioni sui brevetti di Moderna sembrano essere fondamentali per la stessa tecnologia mRna e sembrano essere un tentativo di far valere ampi diritti sul futuro non solo dei vaccini contro il Covid-19, ma in generale dei medicinali a base di questa nuova tecnologia, che in futuro potrebbero riguardare anche le cure contro il cancro. I tribunali impiegheranno probabilmente però anni per giungere a una decisione definitiva sulla validità delle accuse mosse da Moderna. 

Risarcimento miliardario

Nel frattempo, il contenzioso potrebbe generare qualche incertezza sul campo dei farmaci a base di mRna, in cui una serie di grandi aziende farmaceutiche si sono gettate da quando la pandemia ha dimostrato il valore della tecnologia. Moderna ha affermato che sta chiedendo danni monetari che potrebbero essere miliardari a Pfizer e BioNTech, ma non sta cercando di rimuovere il vaccino rivale dal mercato. Inoltre Moderna ha anche affermato che chiederà solo danni per le vendite del vaccino da marzo di quest’anno e non chiederà risarcimenti per le vendite del vaccino nei paesi a basso reddito. Una vittoria di Moderna assicurerebbe alla biotech americana una posizione dominante nel mercato a lungo termine dei vaccini e delle terapie a base di mRna. (riproduzione riservata)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous post La volatilità dell’energia affonda anche i trader, uno su cinque a rischio
Next post Bitcoin sotto i 20.000 dollari, pesa il tono di Powell