Greggio, prezzi in recupero su prospettive domanda Iea

LONDRA (Reuters) – I prezzi del petrolio recuperano parzialmente terreno dopo essere scesi di oltre 1 dollaro nella seduta precedente, sulla scia di segnali positivi sulla domanda contenuti in un rapporto dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (Iea).

Intorno alle 11,56 il Brent sale di 0,42 centesimi, o dello 0,45%, a 93,59 dollari al barile. Il greggio statunitense West Texas Intermediate tratta a 87,7 dollari al barile, con un aumento di 0,39 centesimi, pari allo 0,45%.

L’Iea prevede una transizione su larga scala dal gas al petrolio, con una media stimata di 700.000 barili al giorno tra ottobre 2022 e marzo 2023, il doppio rispetto a un anno fa. L’agenzia inoltre ha detto che le scorte globali sono diminuite di 25,6 milioni di barili a luglio.

Questo segue le previsioni di martedì dell’Opec che vede una crescita della domanda globale di petrolio nel 2022 e nel 2023, citando i segnali che indicano che le principali economie stanno andando meglio del previsto nonostante le sfide come l’impennata dell’inflazione.

L’Iea prevede che la crescita della domanda globale di petrolio si arresterà nel quarto trimestre di quest’anno a causa dell’aggravarsi del rallentamento economico.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Sabina Suzzi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous post Twitter: gli azionisti dicono sì a Musk, mentre esplode una nuova bomba sulla sicurezza
Next post Prezzi Gas Naturale: il Contratto Future Allarga il Rialzo e Punta Ad Un’Estensione