Petrolio, l’ordine Usa alle compagnie: meno esportazioni in Europa. La lettera riservata del ministro dell’Energia di Biden

Le scorte domestiche di greggio negli Stati Uniti sono a livelli critici. Così Jennifer Granholm, ministro dell’energia di Biden, in una lettera riservata esorta le compagnie petrolifere statunitensi a ridurre le esportazioni di carburante

Gli alleati dell’America in Europa sono alla disperata ricerca di forniture alternative di carburante in seguito alla guerra in Ucraina, e i produttori statunitensi sono ben contenti di fornire ciò che possono. Ma l’amministrazione Biden vuole limitare le esportazioni di carburante.
 
Questo è il messaggio che il Segretario all’Energia, Jennifer Granholm, ha inviato la settimana scorsa in una lettera in cui ha esortato sette grandi compagnie di raffinazione di limitare le esportazioni di carburante. Il WSJ ha ottenuto una copia della lettera, che l’Amministrazione non ha reso pubblica. La Granholm avverte che le scorte di benzina sulla costa orientale sono ai minimi da un decennio a questa parte e che le scorte di gasolio sono quasi del 50% inferiori alla media quinquennale in tutta la regione.
 
“Dato il livello storico delle esportazioni di prodotti raffinati negli Stati Uniti, vi esorto ancora una volta a concentrarvi nel breve termine sulla creazione di scorte negli Stati Uniti, piuttosto che vendere le scorte attuali e aumentare ulteriormente le esportazioni”, scrive la Granholm.
 
“Ci auguriamo che le aziende affrontino in modo proattivo questa necessità”, aggiunge. “Se così non fosse, l’Amministrazione dovrà prendere in considerazione ulteriori requisiti federali o altre misure di emergenza”. Nel New Jersey la chiamano un’offerta che non si può rifiutare.
 
Si tratta di un’escalation politica rispetto all’ordine delio scorso giugno del Presidente Biden ai raffinatori di abbassare immediatamente i prezzi della benzina. Con il prezzo medio della benzina a livello nazionale che è sceso a 3,88 dollari dai circa 5 dollari di metà giugno, il Presidente ha ottenuto un tour di vittoria mediatica. Biden può ringraziare gli americani per aver guidato di meno, e i prezzi del greggio sono scesi nel contesto di un più ampio ribasso delle materie prime.
 
Tuttavia, i livelli di stoccaggio del carburante si stanno esaurendo in vista della stagione degli uragani, quando non è insolito che le raffinerie della Costa del Golfo vengano danneggiate o chiuse. L’amministrazione teme un’interruzione delle raffinerie che faccia impennare i prezzi del carburante in vista delle elezioni di novembre. Da qui la lettera minatoria della Granholm.
 
Ma il problema non sono le esportazioni statunitensi. È l’assalto politico e normativo alla produzione e alla raffinazione statunitense. Uno dei colpevoli è la chiusura nel 2019 della raffineria di Philadelphia Energy Solutions, che ha tolto al Nord-Est circa 335 mila barili al giorno di capacità di raffinazione. Ciò ha reso la regione più dipendente dalle raffinerie della Costa del Golfo e da quelle d’oltreoceano.
 
I livelli di stoccaggio del carburante sarebbero molto più alti nel Nord-Est se non fosse per il blocco dei gasdotti di gas naturale dello Stato di New York, che ha reso la regione più dipendente dal petrolio per l’energia. Un terzo degli abitanti del New England usa ancora il petrolio per riscaldare le proprie case e New York questo mese sta generando più elettricità dal petrolio che dall’energia solare o eolica.
 
La minaccia sulle esportazioni della Granholm è anche uno schiaffo agli alleati europei che cercano di diversificare le fonti energetiche dalla Russia. Le forniture di carburante sono limitate a livello globale a causa delle sanzioni contro la Russia, che rappresentava il 40% delle importazioni di petrolio dell’Europa. L’Europa ha dovuto cercare altrove il gasolio, che alcuni produttori e generatori di energia stanno utilizzando come sostituto del gas naturale. Le raffinerie statunitensi hanno recentemente esportato più carburante in Europa, ma la Granholm sta dicendo loro di fermarsi.
 
Limitare le esportazioni di carburante è un’altra politica controproducente di Biden sui combustibili fossili, che non farebbe altro che aumentare i prezzi dei carburanti a livello mondiale, comprese le importazioni statunitensi. La prepotenza della Granholm nei confronti delle aziende energetiche dimostra quanto poco capisca dei mercati energetici. (riproduzione riservata)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous post Borsa Usa in rialzo su banche e growth, investitori attendono segnali da Jackson Hole
Next post Analisi Ciclica sull’S&P500