Chiusura decisamente positiva per l’indice Dow

Di Liz Moyer

Investing.com – I mercati azionari USA hanno chiuso in salita la giornata di mercoledì, dopo il balzo dell’indice Dow dovuto agli utili trimestrali che incoraggiano gli investitori.

L’indice Dow Jones Industrial Average è salito di 416 punti, o dell’1,3%, mentre il NASDAQ Composite è salito del 2,6% e l’S&P 500 ed è salito dell’1,5%.

I tioli consumer hanno registrato i rialzi maggiori, con in testa i titoli del settore distribuzione e viaggi, dopo i dati che hanno mostrato un miglioramento del settore dei servizi e che sono stati accolti come un segnale di calo della pressione inflazionistica.

L’indice ISM sul settore sei servizi è salito a 56,7 a luglio da 55,3 del mese precedente, superando le stime degli analisti di una lettura di 53,5.

Royal Caribbean Cruises (NYSE:RCL), Bath & Body Works (NYSE:BBWI), Ross Stores (NASDAQ:ROST) e Starbucks Corporation (NASDAQ:SBUX) hanno segnato i maggiori rialzi dopo utili trimestrali che hanno superato le stime di Wall Street.

Anche i titoli tech hanno fatto la loro parte, nonostante l’impennata dei rendimenti dei Treasury.

Alphabet (NASDAQ:GOOGL) e Microsoft (NASDAQ:MSFT) sono salite di oltre il 2%, mentre Facebook (NASDAQ:FB) è salita di circa il 5% ed Apple (NASDAQ:AAPL) ha chiuso quasi il 4% in salita.

Il titolo Moderna (NASDAQ:MRNA) è schizzato di quasi il 16% dopo aver rilasciato degli utili trimestrali migliori del previsto, grazie alle vendite dei vaccini contro il Covid-19. Inoltre, l’azienda ha comunicato l’intenzione di avviare un riacquisto di azioni da 3 miliardi di dollari.

Gli energetici sono scesi sulla scia del calo dei prezzi del petrolio dovuto all’aumento inatteso delle scorte USA e la decisione dei principali produttori di petrolio di alzare la produzione giornaliera di appena 100.000 barili. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous post Borsa Tokyo +0,69%. Rally Hong Kong con le Big Tech: focus su Alibaba
Next post BoE: verso il più grande rialzo dal 1995 dei tassi di interesse di 50 punti base