I dati indicano che Bitcoin è al bottom, ma un parametro segnala un potenziale calo a 14.000$

“Quando finirà?” è la domanda che si pongono gli investitori che stanno attraversando l’attuale mercato ribassista delle cripto, e assistendo negli ultimi mesi alla scomparsa di diversi protocolli e fondi di investimento.

Questa settimana, Bitcoin (BTC) si trova ancora una volta a testare la resistenza alla sua media mobile a 200 settimane: la vera sfida è se riuscirà a spingersi più in alto nonostante i molteplici venti contrari o se il prezzo tenderà al ribasso, nel range in cui è intrappolato dall’inizio di giugno.

Secondo l’ultima newsletter pubblicata da Glassnode, società di analisi dati on-chain, la “durata” è la principale differenza tra l’attuale mercato ribassista e i cicli precedenti, inoltre molte metriche on-chain sono ora paragonabili a drawdown storici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous post Incendi in Versilia e nel Carso: danni alle abitazioni, residenti sfollati
Next post Netflix battono previsioni degli analisti