Euro-dollaro: il cambio prova un difficile recupero

Nella giornata di lunedì il cambio Euro/Dollaro (EUR/USD) ha compiuto un veloce recupero, alimentato dal forte ipervenduto di breve termine, ed è risalito fino a quota 1,02. Nonostante questo rimbalzo il trend primario rimane ancora negativo (i principali indicatori direzionali si trovano ancora in posizione short): prima di poter iniziare una risalita di una certa consistenza sarà necessaria una fase riaccumulativa. Un ulteriore recupero dovrà affrontare un duro ostacolo in area 1,0260-1,0270 e una seconda barriera a ridosso di 1,0350. Pericolosa invece una discesa sotto quota 1 anche se, da un punto di vista grafico, un nuovo segnale ribassista arriverà soltanto con il cedimento di 0,9950. (riproduzione riservata)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous post Stellantis: accordo con Dongfeng per acquistare azioni proprie fino al 3,16%
Next post Gazprom, nuovo record di fornitura di gas alla Cina