Dax future: il quadro tecnico rimane precario

Nella seduta di giovedì il Dax future (scadenza settembre 2022) ha subito una brusca correzione ed è sceso fino a quota 12.420 punti. La situazione tecnica di breve termine rimane quindi precaria: prima di poter iniziare una risalita di una certa consistenza sarà pertanto necessaria un’adeguata fase riaccumulativa. Al rialzo, infatti, soltanto il ritorno sopra i 13.000 punti potrebbe fornire un segnale di forza. Il cedimento del sostegno posto a 12.400 punti fornirà invece un nuovo e pericoloso segnale ribassista di tipo direzionale.

Anche l’Eurostoxx50 future (scadenza settembre 2022) si è indebolito ed è sceso fino a quota 3.364 punti. Il quadro tecnico di breve periodo rimane ancora precario: da un punto di vista grafico, tuttavia, un nuovo segnale ribassista di tipo direzionale arriverà soltanto con il cedimento del sostegno posto a 3.350 punti. Un rimbalzo dovrà invece affrontare una prima resistenza a quota 3.460 e una seconda barriera in area 3.487-3.490. (riproduzione riservata)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous post I futures dell’Oro in ribasso durante la sessione Asiatica
Next post BofA – pubblicità per Apple potenziale business da 20 miliardi