Goldman Sachs prevede un calo del 20% di Netflix, troppo pessimista?

Investing.com – In una nota pubblicata all’inizio della settimana, la nota banca d’investimento Goldman Sachs (NYSE:GS) ha parlato dei titoli FAANG, e in particolare di Netflix Inc (NASDAQ:NASDAQ:NFLX), su cui ha una forte visione ribassista.

Pur riconoscendo che Netflix ha subito una perdita di abbonati paganti “migliore di quanto temuto” nel secondo trimestre e prevedendo ulteriori aggiunte nel terzo trimestre, la banca ritiene che il mercato possa essere più interessato ad altri dettagli.

23% di potenziale ribasso


“Continuiamo a ritenere che Netflix sarà valutata in base alla sua capacità di far fronte alla crescente intensità competitiva del settore e di realizzare due importanti iniziative strategiche: il giro di vite sulla condivisione delle password e il lancio di un livello di abbonamento finanziato dalla pubblicità”, ha dichiarato la banca.

“A lungo termine, il successo di queste iniziative consentirebbe a Netflix di invertire la recente sottoperformance del titolo. Purtroppo, la nostra visibilità sui tempi, sul livello di successo e su come si svilupperanno queste iniziative rimane scarsa”, ha aggiunto.

In questo contesto, la banca ha un obiettivo di 186 dollari sulle azioni Netflix, con un potenziale ribasso di oltre il 23% rispetto al prezzo di chiusura di 229,61 dollari di ieri sera.

Non tutti sono ribassisti come Goldman Sachs sulle azioni Netflix


Va notato, tuttavia, che non tutti gli analisti sono ribassisti come Goldman Sachs sul titolo Netflix. Infatti, dei 45 analisti professionisti che seguono il titolo, solo 6 consigliano la vendita. Sono inoltre 12 coloro che consigliano l’acquisto e la maggioranza dei 27 che hanno una visione neutrale.

Fonte: Investing.com

Inoltre, l’obiettivo medio a 12 mesi di questi analisti è di 303,24 dollari, ovvero oltre il 32% in più rispetto al prezzo di chiusura di ieri.

Infine, il Fair Value InvestingPro delle azioni Netflix, che sintetizza diversi modelli di valutazione riconosciuti, si attesta a 341,04 dollari, il che corrisponde a un potenziale rialzo di oltre il 45%.

Fonte InvestingPro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous post Gas, altro balzo dei prezzi: le multiutility bloccano i nuovi contratti
Next post Pink Floyd, Blackstone in pole position per l’acquisizione del catalogo