Azionario cinese spinto dal taglio dei tassi

Di Ambar Warrick

Investing.com- I titoli cinesi sono saliti lunedì dopo che la Banca Popolare ha tagliato i tassi di interesse per la seconda settimana consecutiva, mentre gli altri mercati asiatici sono scesi per via dell’incertezza crescente sul piano di politica monetaria della Federal Reserve.

L’indice cinese blue-chip Shanghai Shenzhen CSI 300 è salito dello 0,8%, mentre l’indice Shanghai Composite ha guadagnato lo 0,6% alle 06:41 CEST.

La People’s Bank of China ha abbassato due dei suoi tassi di interesse di riferimento per la seconda settimana consecutiva. La mossa indica che il governo probabilmente aumenterà la spesa di stimolo per sostenere la crescita economica.

La mossa è positiva per le azioni cinesi, in quanto libera più liquidità per gli investimenti locali. Lo yuan è sceso a un minimo di quasi due anni dopo la decisione della PBoC, che ha favorito anche i titoli del settore navale e delle materie prime orientati all’esportazione.

COSCO Shipping Energy Transportation Co Ltd (SS:600026) è stata la migliore performer di entrambi gli indici cinesi, con un’impennata di oltre il 10% dopo aver ottenuto l’approvazione per l’emissione di un prestito obbligazionario da 5 miliardi di yuan (730 milioni di dollari).

Le aspettative di un maggiore sostegno agli stimoli hanno mantenuto i titoli cinesi ottimisti nelle ultime settimane, nonostante le ripercussioni della rigida politica zero-COVID di Pechino.

La maggior parte delle altre borse asiatiche sono scese bruscamente lunedì, mentre gli investitori sono diventati più incerti sul percorso dei rialzi dei tassi della Federal Reserve quest’anno.

L’indice australiano ASX 200 è crollato dell’1%, mentre l’indice giapponese Nikkei 225 è sceso dello 0,5%. L’indice indiano delle blue-chip Nifty 50 ha perso l’1%.

Gli operatori attendono ora il discorso del presidente della Fed Jerome Powell al Simposio di Jackson Hole, durante il quale il presidente dovrebbe fare maggiore chiarezza su una potenziale svolta più cauta della Fed. Le aspettative di una Fed “dovish” hanno innescato una settimana di rally negli asset rischiosi, dopo che all’inizio del mese i dati hanno mostrato che l’inflazione statunitense è leggermente diminuita a luglio.

Ma i commenti di una serie di funzionari della Fed hanno rapidamente bloccato i guadagni, con gli operatori ora incerti sulle prossime mosse della Fed.

Le aspettative per il prossimo rialzo dei tassi di interesse della Fed sono quasi equamente divise tra 50 e 75 punti base. L’aumento dei tassi d’interesse statunitensi è negativo per i mercati asiatici, in quanto riduce gli investimenti esteri nella regione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous post Il calo di Bitcoin a 21.000$ potrebbe essere peggiore di quanto pensi: ecco perché
Next post Credit Suisse promuove Apple ad Outperform da Neutral